4 Matching Annotations
  1. Aug 2019
    1. Il caso più eclatante però, quello che ha fatto nascere il vero e proprio movimento antivaccinista in tutto il mondo, ha avuto origine in Inghilterra nel 1998, quando il medico Andrew Wakefield ha pubblicato su The Lancet, un’importante rivista scientifica, un articolo in cui metteva in correlazione proprio il vaccino trivalente Mpr con l’autismo e alcune malattie intestinali croniche, prendendo in esame appena otto pazienti

      FALSO il movimento vaccinista internazionale esiste dalla fine del 1800, quando la gente moriva, oltre che per le condizioni igienico-sanitarie e ambientali scadentissime, anche a causa della vaccinazione antivaiolosa la cui applicazione ebbe come conseguenza la morte di milioni di persone in tutto il mondo. Il Dottor Andrew J. Wakefield nel suo studio pubblicato su "The Lancet" non collegò in nessun modo l'associazione fra l'autismo e la somministrazione del vaccino MPR e non prese in esame "appena otto pazienti". Qui sotto le conclusioni di quello studio che sputtanano le infamie riversate addosso ad uno dei più grandi studiosi dei disturbi dell'asse gut-brain:

      Le sue osservazioni (questa volta l'associazione vaccino MPR-autismo venne veramente confermata) furono suffragate da centinaia di studi usciti successivamente e che stanno uscendo ancora oggi, ad oltre 20 anni di distanza.. Ecco la verità raccontata dal Dr A.J. Wakefield in una recentissima intervista rilasciata in Italia il 6 Giugno 2019. https://www.youtube.com/watch?v=ez9yeIQSSeQ

    2. la cosiddetta immunità di gregge

      Ancora con questo falso eclatante e duro a dissolversi. La vera immunità di gregge è quella indotta dal vero ingaggio con il patogeno per modalità, tempi e condizioni dell'ospite. L'immunità di gregge indotta dai vaccini oltre ad essere inesistente in quanto mai dimostrata, viene espressa dai tuttologi della prseudo-scienza medica in termini di "soglia" percentuale che non possiede nessun significato statistico e, tantomento, epidemiologico..

  2. Mar 2019
    1. Seppure nessuna teoria in campo scientifico possa mai dirsi definitiva, i motivi per pensare che i vaccini siano un’ottima invenzione sono diversi. In uno studio dell’Istituto superiore di sanità, pubblicato sulla rivista medica Vaccine, è stato analizzato l’impatto dei vaccini in Italia sulla mortalità e la morbosità delle 10 patologie che rientrano nello spettro delle vaccinazioni obbligatorie. Il lasso di tempo analizzato è di 115 anni, dal 1900 e il 2015, e il risultato è che, se si accetta il trattamento come unica variabile, si deduce che questo ha evitato il contagio di oltre 4 milioni di persone, nel 35% dei casi bambini nei primi anni di vita.

      In questo paragrafo il delirio impazza. Viene collocata implicitamente la medicina nel campo scientifico. La comparazione - estremamente arbitraria - priva peraltro di riferimenti bibliografici a supporto, riduce il problema ad un assunto: ....se si accetta il trattamento come unica variabile, si deduce che questo ha evitato il contagio di oltre 4 milioni di persone, nel 35% dei casi bambini nei primi anni di vita..

      Purtroppo per l'autrice e i suoi seguaci, il trattamento non è l'unica variabile. Questa ed altre variabili non fanno parte delle loro indagini scientifiche fake...

      Come è vero che la mediocrità di questo mondo sta insegnando alla grande..

      Grazie Liliana per la tua segnalazione.

  3. Nov 2018
    1. I vaccini attualmente disponibili sono estremamente sicuri

      Affermazione priva di supporti di valore scientifico atti a dimostrarla. Esistono migliaia di lavori scientifici che dimostrano l'elevatissimo livello di rischio da diversi punti di vista. Le reazioni avverse vengono sistematicamente negate in fase di emergenza post reazione avversa.