249 Matching Annotations
  1. Mar 2022
    1. نرم‌افزارهای نقشه‌ی راه مانند Aha! ،ProductPlan  و Roadmunk  ابزارهای بسیار حرفه‌ای در این زمینه هستند که امکان ساخت نقشه‌های محصول جذاب برای تیم‌های مختلف را فراهم می‌کنند. همچنین با استفاده از این ابزارها و نرم افزار ها می‌توان نقشه‌ی مسیر انفرادی برای هر یک از اعضای گروه تولید درست کرد و سپس برای رسیدن به یک چشم‌انداز و هدف کامل همه‌ی آن‌ها را با یکدیگر همسان سازی کرد. در آخر بعد از انتخاب بهترین ابزار می‌توان ساخت نقشه‌ی راه را آغاز کرد.

      بهترين نرم افزار هاي تهيه نقشه راه محصول ، با پاورپوينت و اکسل هم ميشه البته

  2. Feb 2022
  3. Jan 2022
    1. Put more simply, the product is dirt — four-and-a-half ounces of it, sealed in a sleek black plastic baggie and sold for $110 plus shipping.

      Oh my god! It's like a family friendly version of Bell Delphine's bath water! It's a useless product sold for ridiculous prices to an audience that is desperately looking for something to fill a space. In one case, it was a want for some physical representation of an idol, and in this case, it was a want for a solution to COVId or a feeling of security. If we were to relate this to the game we played in the blog post assignment, then I would probably classify this as emotional manipulation. People looking to feel secure in their health while the pandemic rages were taken advantage of by this company selling dirt.

    1. Companies should not assume they can release a product without thinking about its unintended uses and then undo the harm that results. This often doesn’t work.Some technology

      Many products, including technology and social media products, can have a multitude of uses including unintended off-label uses. This can lead to harmful and deleterious effects on large groups of people.

      On the other hand, some users may also see great benefits from off-label use cases. As an example, despite it being a vector for attacks and abuse, some marginalized groups have benefited from social media through increased visibility, the ability to create community, and expand their digital access.

      As a result it's important to look at how a product is being used in the marketplace and change or modify it or create similar but different products to amplify the good and mitigate the bad.

  4. Dec 2021
    1. இதற்கு அப்பால் மிகச்சிலர் என்னுடைய கருத்துக்களுடன் முரண்பட்டு என் படைப்புக்களில் ஈடுபாடு கொண்டு வாசிப்பவர்களாக இருக்கிறார்கள். எவ்வாறு என இலக்கியம் எப்படி எழுதப்படுகிறதென தெரிந்துகொண்டால் அது உங்களுக்குப் புரியும். இலக்கியப் படைப்பில் ஒரு படைப்பாளி முன்வைப்பது அவன் கற்று, தெளிந்து ஏற்றுக்கொண்டவற்றை அல்ல. அவனுடைய திட்டவட்டமான நிலைபாட்டை அல்ல. இலக்கியப்படைப்பு என்பது ஒருவகை கனவு என எடுத்துக்கொள்ளுங்கள். மொழியில் நிகழும் ஒரு கனவு. ஒரு படைப்பு என்பது அந்த எழுத்தாளன் மொழிவழியாக கண்ட ஒரு கனவு. நம் கனவு நம் கட்டுப்பாட்டில் இல்லை அல்லவா? நாம் நினைப்பதே நம் கனவில் இருக்கவேண்டும் என்பதில்லை அல்லவா? எழுத்தாளன் எல்லாரையும்போல ஒரு அன்றாட உள்ளம் கொண்டவன். அவனுக்கு பல கருத்துக்கள் இருக்கும். அவை அவன் தன் வாழ்க்கையிலிருந்து பெற்றுக்கொண்டவையாக இருக்கும். அவனுக்கான ஓர் அரசியலும் இருக்கலாம். ஆனால் அவன் எழுதுபவை அப்படியே அந்த கருத்துக்களை வெளிப்படுத்துபவை அல்ல. சிலசமயம் நேர்மாறாகவும் இருக்கலாம். அவனே அறியாத நுட்பங்கள் அதில் வெளிப்படலாம். ஆகவே எழுத்தை எழுத்தாளனிடமிருந்து பிரித்தே பார்க்கவேண்டும். எழுத்து தன்னளவில் முழுமையான ஒன்று.

      My personality and writings will be different

      • whenever i teach, i am different than before I start
      • whenever I write or think, My dream and heritage writes me
    1. Skills: Imagination Logic Common sense Pattern recognition Basic probability & statistics knowledge

      Tramite quali singole abilità si può implementare il [[probabilistic thinking]] ?

      Tramite:

      • immaginazione;
      • logica;
      • senso comune;
      • riconoscimento dei pattern;
      • probabilità base e conoscenza della statistica;
    2. Attitude: Strategic pessimism Non-attachment to one's ideas Confidence in one's ability to influence others

      Come si può sviluppare la skill del [[probabilistic thinking]] e tramite quali atteggiamenti la si può notare?

      Attraverso:

      • Pessimismo strategico;
      • Mancato attaccamento alle idee in quanto tali;
      • Confidenza nella propria abilità di influenzare gli altri;
    1. In a world where labs become sustainable by spinning out products, researchers need some way to de-risk their initial work, when they won’t have any new products or technologies to sell. I think this is an effective place for open-ended research grant programs.

      This is a lovely idea, but it feels like it's just kicking the can down the road. Who's funding these grants? Where do those monies come from? That's the real problem.

  5. Nov 2021
    1. How to Create a Minimum Viable Product (MVP): Best Examples and Key BenefitsDmitryCEOMVPProduct GuideHomeBlogEntrepreneurshipHow to Create a Minimum Viable Product (MVP): Best Examples and Key BenefitsPublishedFeb 14, 2019UpdatedNov 26, 202139 min readAs an entrepreneur, you may eventually come to the point of planning a startup and launching your software product. Initially, you only have the idea of the project. What’s next? MVP development for startups is something that will help you at the beginning. You will learn what it is from this article. But first, some statistics. In 2020 the failure rate of startups exceeded 90%. And Euler Hermes’ latest research is even more disappointing. It shows that the number of global business bankruptcies will have increased by 15% by 2022. Can you guess what the reason is? It is a lack of demand among the users in the market. That’s why when you have a brilliant idea, do not rush building a fully-featured product and spending months on hard work. There’s a more efficient way to initially understand whether your idea will be required in the market. And this implies developing a minimum viable product (MVP). This popular approach in startup product development will help you test your business idea and save both time and resources. This way, you understand what users need and can create an offering that they are ready to pay for. Thanks to this article, you will know how to define a minimum viable product. You will also learn all about the MVP approach. We will start with the definition of this term and take a look at the best minimum viable products built by famous companies. Finally, we will provide you with a step-by-step guide on how to create a minimum viable product.

      Thanks to this article, you will know how to define a minimum viable product. You will also learn all about the MVP approach. We will start with the definition of this term and take a look at the best minimum viable products built by famous companies. Finally, we will provide you with a step-by-step guide on how to create a minimum viable product.

    1. Avoid These Costly Mistakes During Web Application DevelopmentDmitryCEOCustom SoftwareHomeBlogTechnologyAvoid These Costly Mistakes During Web Application DevelopmentPublishedJan 16, 2020UpdatedJan 16, 202015 min readAccording to the Startup Genome Report, over 90% of startups fail after launch. There can be different reasons like skipping the market research, hiring wrong specialists, too early scaling, and so on. However, one of the most important elements of startup success is the product you provide. Neglecting estimates, avoiding the MVP stage, designing unnecessary functionality, and saving time on testing may become fatal errors that can result in a complete failure. In this article, we will tell you about the most costly mistakes you should avoid during web app development to succeed after product launch.

      According to the Startup Genome Report, over 90% of startups fail after launch. There can be different reasons like skipping the market research, hiring wrong specialists, too early scaling, and so on.

      However, one of the most important elements of startup success is the product you provide. Neglecting estimates, avoiding the MVP stage, designing unnecessary functionality, and saving time on testing may become fatal errors that can result in a complete failure.

      In this article, we will tell you about the most costly mistakes you should avoid during web app development to succeed after product launch.

    1. Spree Commerce: How to Quickly Build an Ecommerce WebsiteAlinaE-Commerce & SaaS StrategistMarketplaceProduct GuideHomeBlogEntrepreneurshipSpree Commerce: How to Quickly Build an Ecommerce WebsitePublishedAug 31, 2020UpdatedAug 31, 202011 min readThe hype around Amazon and eBay has driven up the demand for marketplace development services. Business owners turn to software consultancies to launch a thriving e-commerce website. Here comes a question: what do they need to get the most successful online marketplace website? We believe that a profitable e-commerce project starts with the right tech stack. The main qualities that a modern marketplace should possess are scalability, easy customizations, and flexibility. Therefore, it’s important to choose the technologies that will help these qualities.

      The hype around Amazon and eBay has driven up the demand for marketplace development services. Business owners turn to software consultancies to launch a thriving e-commerce website. Here comes a question: what do they need to get the most successful online marketplace website?

      We believe that a profitable e-commerce project starts with the right tech stack. The main qualities that a modern marketplace should possess are scalability, easy customizations, and flexibility. Therefore, it’s important to choose the technologies that will help these qualities.

    1. POC vs MVP: What to Choose to Build a Great ProductDmitryCEOMVPHomeBlogEntrepreneurshipPOC vs MVP: What to Choose to Build a Great ProductPublishedNov 10, 2021UpdatedNov 11, 202115 min readWhen it comes to creating a new product or implementing a new feature, you need to test it first. The best way to do so is to check your idea with the appropriate steps. There are several software product stages: PoC, prototype, MVP, etc. What is the difference between proof of concept vs. MVP? Why are these stages essential? When should you build a Minimum Viable Product? This article focuses on two fundamental approaches that help test your idea quickly and create a successful solution.

      When it comes to creating a new product or implementing a new feature, you need to test it first. The best way to do so is to check your idea with the appropriate steps. There are several software product stages: PoC, prototype, MVP, etc.

      What is the difference between proof of concept vs. MVP? Why are these stages essential? When should you build a Minimum Viable Product?

      This article focuses on two fundamental approaches that help test your idea quickly and create a successful solution.

  6. Oct 2021
    1. Avere un limite su ogni colonna ti assicura che gli Item si spostino velocemente da una colonna all’altra, visto che questo è l’unico modo per inserire nuovi Item.

      Quale è il vantaggio principale del #[[WIP limit]] nella metodologia #agilekanban ?

      Sta nel fatto che determinando un numero limite di task da poter inserire nella colonna allora spostare i task da una colonna all'altra (quindi avanzare nello sviluppo) sarà il solo modo per poter inserire nuovi task dal #[[product backlog]] alla board

    2. Il Pull system funziona in modo diverso, ovvero con un limite sul numero di elementi inseribili in ogni singola colonna della board, questo limite viene chiamato WIP Limit, ovvero Work in Progress Limit.

      In che modo differisce il sistema di #pull tra metodologia #agilescrum e #agilekanban ?

      La differenza principale emerge nel fatto che nella metodologia kanban su ogni colonna della board kanban c'è un numero limite di task che si possono inserire, questo numero limite viene chiamato #[[WIP limit]]

    3. La principale differenza è che nel Kanban non esistono le sprint. Il processo di sviluppo è continuo.

      Quale è la differenza principale tra #agilescrum e #agilekanban ?

      La differenza principale è nelle tempistiche dello sviluppo, nella metodologia scrum il processo è di breve durate ed iterativo, in quella kanban invece lo sviluppo è continuo

    4. Per tracciare i progressi si usa una board chiamata Scrum Board, Agile Board o per fare un po’ di casino Kanban Board.Di solito ci sono 4 colonne: To Do, Doing o Progress, Test o QA, Done. La premessa di tutto è che queste due metodologie non sono prescrittive per cui ogni team poi può decidere di aggiungere o rimuovere colonne in base alle proprie esigenze.Il Movimento ideale degli Item sulla scrumboard è da sinistra verso destra, se il movimento è al contrario c’è qualcosa che non va.

      In che modo avviene il tracciamento dei progressi nei progetti di sviluppo, che siano #agilescrum o #agilekanban ?

      Avviene tutto tramite delle board kanban divise in colonne e in cui si deve passare da sinistra a destra.

    5. Questa parte è il Pull di cui stavamo parlando prima, ovvero gli item vengono “tirati” dal backlog e non “pushati” da qualcun altro.

      In cosa consiste la parte #pull delle metodologie #agilescrum e #agilekanban ?

      Essenzialmente si riferisce all'atto con cui i team prendono dal #[[product backlog]] i task su cui si devono concentrare e non vedono questi task essere imposti loro dall'alto e/o qualcuno di esterno.

      Compito di #[[product owner]] e #[[scrum master]] è quello di fare di tutto per permettere al team di concentrarsi sullo sviluppo ed implementazione, nel minor tempo possibile e maggiore efficacia, sui task che sono stati inseriti nello #[[sprint backlog]]

    6. Quello che accade tra il product backlog, ovvero la mega-lista di cose da fare, e il customer, ovvero l’utente che userà il tuo prodotto, è quello che distingue Scrum da Kanban.

      Cosa sono, in una frase, le metodologie #agilescrum e #agilekanban ? Che funzione assolvono?

      Essenzialmente portano tutto quello che c'è nel #[[product backlog]] da quella lista al customer.

    7. Alcune caratteristiche del Product Backlog:Ogni Item in Backlog deve aggiungere valore all’utente finaleIl Backlog deve essere ordinato e prioritizzatoIl Backlog è un documento vivente. Il processo di revisione e modifica giornaliera del Backlog da parte del Product Owner si chiama Backlog GroomingI dettagli di ogni Item dipendono tipicamente dalla loro posizione sul Backlog: in alto tanti dettagli, in basso pochi dettagli.

      Quali sono alcune caratteristiche fondamentali del #[[product backlog]] ?

      L'atto di pulizia e aggiornamento del backlog è definito come #[[backlog grooming]]

    8. Il Product Backlog è  la lista prioritizzata di tutto ciò che si vorrebbe fare (occhio a queste due parole!) all’interno del progetto. Qui sta una delle prime intuizioni semplicissime, ma geniali, dei due metodi.Il fatto che un Item sia in backlog non vuol dire che verrà sicuramente affrontato, sviluppato e rilasciato.

      Cosa è il #[[product backlog]] e cosa è presente al suo interno?

      Si tratta di una lista prioritizzata di tutto quello che si vorrebbe fare all'interno del progetto.

      Importante è l'aspetto del "si vorrebbe", il fatto che qualcosa sia in backlog non significa necessariamente che sarà poi sviluppato e rilasciato.

      All'interno di questo backlog si possono trovare #userstory oppure task tecnici oppure bug oppure knowledge task.

    9. Secondo i principi dell’Agile, come abbiamo visto nel post precedente, il software viene consegnato al customer in piccoli pezzi che incrementano il valore del software progressivamente, inoltre il feedback dal customer viene preso costantemente in considerazione e diventa parte essenziale del ciclo di sviluppo.

      Quale è la differenza principale tra metodologia #waterfall ed #agile ?

      La differenza principale è nelle modalità di rilascio del prodotto: nella metodologia waterfall il rilascio avviene interamente e di blocco, nel caso invece di agile il rilascio avviene in fasi iterative e frequenti, piccoli rilasci e implementazioni ad ogni fase.

      Nel metodo agile, ad ogni iterazione, il #[[product owner]] raccoglie i feedback di utenti e stakeholder e le utilizza per le prossime iterazioni, inserendole nel #[[product backlog]]

    10. n una cascata (waterfall), infatti, l’acqua cade sempre dall’alto verso il basso e così funziona nello sviluppo software Waterfall:Il responsabile di prodotto definisce i requisiti di tutto il progettoIl team di sviluppo realizza il progetto per interoIl progetto viene consegnato al customer tutto in una voltaTutto va nella stessa direzione. Dall’alto verso il basso. Sempre

      Come è caratterizzato il metodo #waterfall di sviluppo?

      È il metodo classico di sviluppo, in maniera unidirezionale il responsabile di prodotto #[[product owner]] fornisce agli sviluppatori i requisiti di tutto il progetto, questi li implementano per intero, l'intero progetto viene fornito ai consumatori in un'unica volta.

    1. Nell’esempio di Giuseppe potremmo chiamare la nostra Epic “Funzionalità di login”. All’interno di quest’ultima andremo poi a inserire le varie User Stories come “Frontend – processo login”, “Backend- processo login”, “Processo di recupero password” e così via fino ad aver completato la nostra funzionalità di login.Per non perdere di vista le varie Epic, andiamo a nostra volta a raggrupparle all’interno di “iniziative”. Tornando al nostro esempio possiamo chiamare la nostra iniziativa “Sito e-commerce – primo rilascio”. All suo interno inseriremo tutte le Epic che riteniamo indispensabili per il rilascio del nostro sito.”

      In che modo si può risolvere il problema della mancanza di contesto per le #userstory ?

    2. Uno dei problemi nell’uso delle User Story è la mancanza di contesto attorno alla storia. Esistono diversi stratagemmi per risolvere.

      Quale è il problema maggiore che emerge dall'utilizzo delle #userstory ?

      La mancanza di contesto, questa rende difficile sia l'empatizzare con l'utente sia avere chiaro l'obiettivo e la natura delle implementazioni.

    3. Questi sono dettagli che vanno aggiunti all’interno della User Story, solitamente si definiscono Criteri di Accettazione. I Criteri di Accettazione sono fondamentali anche per poter verificare se la funzionalità sviluppata rispecchia ciò che era stato deciso. Vi accorgerete che il 90% delle volte ciò che viene implementato non rispecchia quanto era previsto!

      Una volta create le prime #userstory cosa deve accadere secondo la metodologia di #agilescrum ?

      Avviene una riunione con il team di sviluppo, una riunione in cui insieme al team si stabiliscono dei criteri minimi che l'implementazione dovrà rispettare.

    4. Il formato tipico delle User Story ci impone di fare una scelta e decidere le priorità. Quando scrivete una User Story focalizzatevi sempre sulla funzione più importante. Scrivete User Story separate per dettagliare i bisogni differenti. Può creare ridondanza ma vi permetterà di condividere con chiarezza quali sono le priorità.

      In che modo fare #userstory ci permette di determinare delle priorità nella creazione del #prodotto ?

      Ogni user story deve essere focalizzata su una sola cosa, un solo tipo di utente, un solo obiettivo, una sola azione ed in questo modo dovremo scrivere diverse user story per ogni caso, poi tra le diverse user story stabilire delle priorità ed un peso.

    5. Come prima cosa descriviamo quale utente stiamo servendo. A prima vista si potrebbe pensare che l’utente è unico per un prodotto. In realtà ogni prodotto ha una varietà di utenti con diversi intenti.In un e-commerce possiamo sicuramente distinguere tra utenti alla prima visita, utenti registrati, utenti che hanno fatto 1 o più acquisti, e così via. Inoltre molti prodotti hanno alle spalle un servizio e spesso una parte dello sviluppo è dedicata ad utenti interni come per esempio il servizio clienti.

      Quanti utenti e quali utenti possiamo distinguere normalmente in un #prodotto ?

      Ci sono tanti utenti ad utilizzare un prodotto ognuno contraddistinto da diversi intenti

    6. Le User Story hanno solitamente il seguente formato:Come [descrizione dell’utente], voglio [funzionalità o azione] in modo che [obiettivo o valore per l'utente].

      Quale è un esempio di #userstory nella metodologia di #agilescrum ?

      Una. volta compilato, questo esempio dovrebbe essere qualcosa di questo tipo: "Come utente registrato voglio poter effettuare il log-in in modo che posso accedere alle mie informazioni personali. "

    7. L’utente a cui ci stiamo rivolgendoil bisogno che vogliamo soddisfareil motivo per cui dobbiamo soddisfarlo. Un po’ di esempi pratici renderanno tutto molto più chiaro!Ma, prima di partire con gli esempi, voglio dirvi quali sono per me le 2 caratteristiche essenziali delle User Story: chiarezza e confronto.

      Quali sono le caratteristiche alla base delle #userstory ?

      Ogni #userstory deve descrivere in maniera fondamentale l'utente a cui ci stiamo rivolgendo, il bisogno che questo utente ha e che noi vogliamo soddisfare ed il motivo per cui dobbiamo e vogliamo soddisfarlo.

    8. Il concetto più interessante che introducono le User Story è quello di mettere l’utilizzatore del nostro prodotto (lo User) al centro dell’attenzione durante il processo di sviluppo. Pari importanza è data anche all’identificazione del bisogno che ogni funzionalità promette di soddisfare (la storia).

      Cosa sono le #userstory e perché è importante utilizzarle come alternativa alla classica requisitazione?

      Le #userstory contribuiscono a mettere lo user al centro del percorso di sviluppo, inoltre attraverso una storia forniscono anche l'identificazione dei bisogni di questo utente e come ogni funzionalità possa essere capace di risolvere questi bisogni.

      Queste sfumature si perdono nel corso della classica requisitazione in cui il #productowner fornisce requisiti ai tecnici senza nemmeno spiegarne il motivo.

    9. Mi piace molto la definizione di User Story di Mike Cohn: ogni User Story è la promessa di una conversazione. Per Mike quello che c’è scritto nella User Story non è molto importante, è solo un promemoria per innescare una discussione con tutto il team.

      Quale è la definizione di #userstory ?

    1. Lo Sprint inizia con lo Sprint Planning dove il Product Owner prioritizza il Product Backlog ed insieme al team crea lo Sprint Goal, ovvero l’obiettivo da raggiungere per la Sprint in partenza.

      Da cosa inizia lo #sprint all'interno della metodologia di #agilescrum ?

      Tutto inizia dallo #sprintplanning in cui il #productowner analizza le diverse #userstory e attribuisce loro gli #storypoint.

      Dopo l'effettiva esecuzione dello #sprint allora avviene la fase si #sprintreview in cui insieme agli stakeholder si analizza quanto fatto ed il #backlog mettendolo in discussione per le prossime iterazioni.

    2. In alcuni casi viene anche chiamato Agile Coach. Lo Scrum Master è colui/colei che si adopera per far si che il team raggiunga la massima produttività ed efficienza. È il facilitatore di tutte le cerimonie Agile tramite tecniche di negoziazione e mediazione.È anche la voce del team di sviluppo. Chi promuove la metodologia Scrum e fa sì che i suoi principi/valori vengano applicati in maniera corretta tramite un durissimo lavoro di coaching e mentoring. Lo scrum master si occupa anche delle metriche di avanzamento per fare venire a galla i problemi, ma anche i successi del team. 

      Chi è lo #scrummaster e cosa deve fare nel corso della metodologia #agilescrum ?

      All'atto pratico è colui che si occupa di spingere il team a raggiungere la massima produttività ed efficienza. Cerca anche di definire e raggiungere le metriche di avanzamento per far emergere problemi e successi del team.

    3. È colui/colei che guida il team nella giusta direzione, che prioritizza le user storiy e come un direttore d’orchestra si interfaccia con gli stakeholders e col team per far in modo che tutto funzioni alla perfezione. 

      Chi è il #productowner cosa fa e in che modo opera nel corso della metodologia #agilescrum ?

    4. Le skills/conoscenze individuali devono essere trasferite al team tramite peer programming (sviluppo di una funzionalità a due mani) o mob programming (sviluppo a più mani). Questo porterà il team nel lungo periodo ad essere molto più efficiente, dato che ogni membro del team avrà come bagaglio la conoscenza del prodotto e del software utilizzato e potrà essere intercambiabile.Tipicamente un team cross funzionale è composto da Product Manager, Design, Sviluppo, Data Analysis.

      In che modo è strutturato il team cross funzionale che lavora in uno #sprint ?

    5. È un momento di ispezione per tutti, per i processi, per le persone e per il modo in cui si lavora. Qui si ispeziona quel che è stato fatto chiedendosi:Cosa è andato bene?Cosa potrebbe andare meglio?Quali sono gli improvement / miglioramenti che si possono implementare nel prossimo Sprint?

      In cosa consiste la #sprintretrospective nel metodo #agilescrum e cosa accade?

    6. L’incremento, ovvero la somma delle funzionalità che si sono sviluppate durante lo sprint vengono finalmente mostrate al cliente e ai più importanti stakeholders del progetto. Qui si riceve il feedback che porterà a decidere quale corso il prodotto deve prendere e quali user story saranno prioritizzate nel prossimo sprint.La Sprint Review non è solo una Demo, ma è l’elemento di raccordo con la Sprint precedente: un incontro fondamentale su cui costruire la cultura, creare prodotti migliori e rinforzare la fiducia del team.Queste sono alcune delle attività:Definire cosa è stato completato e cosa no, commentando il lavoro.Demo individuali Rivedere impatto delle feature su Metriche ChiaveVerifica User Story e aggiunta nuove per completareBacklog Grooming

      In cosa consiste la #sprintreview nel modello #agilescrum e cosa accade nel corso di questa ?

    7. La cosiddetta stima dell’effort è un concetto fondamentale, specie nel Backlog Refinement e in Sprint Planning dove il team di sviluppo si riunisce per dare un valore numerico alle user stories. Questo aspetto non è assolutamente da sottovalutare, perché dalla stima delle user story possono scaturire tantissime discussioni interessanti per capire effettivamente il grado di rischio, complessità, fattibilità di ciascun task.L’estimation a differenza degli altri rituali non ha una sua precisa collocazione, può essere fatto in qualsiasi momento, ma considera che il Team dovrebbe dedicare al meno il 10% del suo tempo alla stima del lavoro necessario per sviluppare una User Story.

      In cosa consiste il rituale di #estimation in #agilescrum ?

    8. Lo Sprint Planning è forse uno dei meeting più importanti nelle cerimonie Agile ed è il momento in cui business (product owner) e technical team si riuniscono per decidere cosa faranno nella prossima iterazione/sprint. Di solito dura circa 4 ore ed avviene il giorno prima dell’avvio della sprint.L’obiettivo dello Sprint Planning è proprio quello di pianificare la Sprint definendo l’Outcome (L’obiettivo di sprint) e passando dalle user story alle singole task per ciascun componente del team.

      In cosa consiste il rituale dello #sprintplanning nella metodologia #agilescrum ?

    9. il daily scrum è un meeting giornaliero dove il team si riunisce e raccoglie le proprie impressioni su come sta andando lo Sprint e quanto ci si sta avvicinando o allontanando dallo Sprint goal. Ogni membro deve rispondere a tre domande ben precise:Cosa ho fatto ieri?Cosa ho fatto oggi?Ci sono impedimenti che stanno bloccando il mio percorso nel raggiungere lo Sprint Goal?

      In cosa consiste il rituale del #dailyscrum nella metodologia #agilescrum ?

    10. Daily Scrum: allineamento giornaliero Sprint Planning: preparazione della SprintEstimation: stimare il peso di ogni user storySprint Review: demo e review del lavoro svoltoSprint Retrospective: migliorare il modo in cui si lavora insieme.

      Quali sono i rituali alla base della metodologia #agilescrum ?

    11. Man mano che passano le sprint il team di lavoro acquisirà il proprio ritmo, “heartbit” o velocità.La Velocity è la somma degli story point completati a fine sprint. Questa servirà da metro di paragone per pianificare gli Sprint successivi.Facendo un passo indietro infatti ogni User Story prima di essere portata in sviluppo deve essere analizzata e ne deve essere valutato il peso in termini di impegno del team.Es: una User Story che pesa poco impegna solo alcuni membri del team (anche uno solo) per poco tempo, una Storia che pesa molto impegna tanti membri del team per tanto tempo.Solo dopo aver dato un valore ad una User Story usando appunto gli Story Points, questa può essere aggiunta allo Sprint Backlog.

      Cos'è il concetto di #velocity nella metodologia #agilescrum ?

      È il quantitativo di #storypoint accumulati dal team nel corso di uno #sprint.

      Ogni #userstory infatti avrà un peso e valore determinato dagli #storypoint e deciso in funzione dell'impegno di sviluppo che richiede per la sua produzione.

      La #velocity permette di avere una metrica per pianificare i prossimi #sprint anche in funzione dell'#heartbit raggiunto dal team dopo alcuni #sprint.

    12. La User Story è la funzionalità o l’incremento di prodotto che si vuole portare in sviluppo scritta dal punto di vista dell’utente. Ogni User Story incorpora al suo interno CHI beneficerà di quella funzionalità, COSA si richiede e PERCHÈ è importante per l’utente

      Che cos'è una #userstory nella metodologia #agilescrum ?

      Si tratta della funzionalità o incremento che si vuole portare in sviluppo, scritta dal punto di vista dell'utente. È parte fondamentale del #productbacklog ed in essa deve comprendere:

      • CHI trarrà beneficio dall'incremento?
      • COSA sarà l'incremento?
      • PERCHÈ è importante per l'utente?
    13. Il backlog è la lista di user stories o task che non è ancora stata introdotta nello Sprint e risiede in uno spazio apposito. Considerala come una wishlist di funzionalità che potrebbero essere implementate e che saranno prioritizzate dal product owner durante lo Sprint Planning.

      Cos'è il #productbacklog nella metodologia #agilescrum ?

      È la lista di #userstory e task che non è ancora oggetto dello #sprint in atto, è una wishlist più che una tasklist

    14. Anche chiamato “iterazione” è un lasso di tempo che può variare da uno a quattro settimane dove il team si adopera per creare un “incremento”, un prodotto/funzionalità, anche non finito, che crea valore e che può essere ispezionato alla fine, ricevendo feedback positivi/negativi dagli stakeholders interessati.Nello Sprint si usa il concetto di time-box, dove all’inizio del progetto si decide quanto l’iterazione debba essere lunga (da una a quattro settimane, non di più)

      Cos'è lo #sprint nella metodologia #agilescrum ?

      È il lasso di tempo in cui il team lavora per arrivare ad un incremento nel prodotto, questo incremento servirà a creare valore per gli utenti e sarà ispezionato alla fine dagli stakeholder interessati tramite #feedback negativi o positivi

    15. Agile Scrum è a tutti gli effetti un sistema di regole, procedure e rituali ben definiti su come applicare la metodologia Agile, dove, come ho detto qualche riga prima, il tempo è l’elemento più importante.A scandire il tempo in Agile Scrum ci pensano gli Sprint, dei piccoli time-frame in cui il team di sviluppo lavora per il rilascio di una o più funzionalità.

      Quale è la variabile più importante della metodologia #agilescrum ?

      È sicuramente quella del tempo, rappresentata dallo #sprint che è un piccolo time-frame in cui il team di sviluppo lavora per rilasciare una o più funzionalità.

      Ogni sprint avrà come obiettivo il rilascio di specifiche #feature del prodotto e queste avranno come specifica funzione il dare valore all'utente che usa il prodotto.

      Non si tratta solo di suddividere il lavoro ma di impostare l'intero lavoro in funzione dell'utente, cercando di stargli più vicino possibile.

    16. Nel rugby, la parola “Scrum“ è un termine usato per spiegare il goal del team di ottenere il possesso della palla in quanto unità molto coesa. In maniera simile, in Agile Scrum, il team di sviluppo lavora insieme per raggiungere uno o più obiettivi alla fine dello Sprint/iterazione. 

      Quale è la definizione di #agilescrum ?

      Con questa metodologia si intende far focalizzare tutto il team ad un singolo obiettivo che sarà utile per lo #sprint previsto.

    17. Qui di seguito ti riassumo quali sono i punti chiave:Accettare l’incertezza e tutto ciò che ne derivaIl fallimento è la via più sicura per imparareSe non lo misuri non lo saiFiducia nelle persone e nella loro capacità di avere impattoOwn your Outcome: assumersi la responsabilità a tutti i livelli

      Quali sono gli assunti fondamentali del mindset #agile ?

    18. fino a quel momento tutta l’attenzione nel processo tradizionale di sviluppo software, chiamato Waterfall, era stata posta su documentazione, processi e specifiche tecniche, adesso la lente si spostava sulle persone e sulle interazione tra di esse, sui team e sul loro spirito di adattamento e risposta al cambiamento.

      Quale è stata l'innovazione più grande apportata dalle metodologie #agile rispetto alle vecchie metodologie #waterfall ?

      La principale differenza è che si è cominciato a ragionare sulle persone che effettivamente creano il prodotto, sulle interazioni tra loro, sui team ed in che modo si risponde al cambiamento, non ci si concentra sui task da vomitare in testa ai tecnici.

    1. Come si sarà intuito, non c’è PMM senza PM. La relazione tra i due ruoli è strettissima: alcuni dicono che al PM spetta mettere il prodotto “on the shelf”, e che il PMM deve invece assicurarsi che venga comprato, e quindi preso “off the shelf”. Il PM è quello che inquadra il problema e definisce la soluzione; il PMM in questa fase fornisce al PM input come le tendenze di mercato e concorrenziali; il PM orchestra il lavoro degli sviluppatori per creare il prodotto; nel frattempo il PMM inquadra il posizionamento e crea il messaging; il PM definisce la strategia di lancio; il PMM crea e orchestra l’esecuzione del go to market plan. 

      Quale è la differenza tra #productmanager e #productmarketingmanager ?

      All'atto pratico il productmanager deve fare in modo che il prodotto sia disponibile sugli scaffali mentre il #productmarketingmanager invece si deve occupare del fatto che il prodotto sia prelevato dagli scaffali. I due devono lavorare in strettissima collaborazione.

    2. Essenzialmente il Product Marketing è il processo che punta a mettere un prodotto sul mercato. Questo significa definire il posizionamento strategico del prodotto, il messaging, e anche assicurare che i team di Vendite siano in grado di venderlo (se si è del comparto B2B). In altre parole, il Product Marketing crea e stimola la domanda per il prodotto di cui si occupa. In molti la considerano una funzione ‘fondante’ del marketing.

      Cos'è il #productmarketing ?

      È il processo che mette un prodotto sul mercato, definisce posizionamento strategico, il messagging ed assicura che le vendite siano in grado di fare il loro lavoro.

    3. quattro pillar fondamentali del Product Marketing, ovvero Intelligence, Positioning, Launch, Enablement

      Quali sono i 4 pilastri fondamentali del #productmarketing ?

      I pillar sono:

      • Intelligence: in questa fase si svolgono diversi tipi di #ricerca per scoprire trend e tenere d'occhio la concorrenza oltre che i propri eventuali utenti tramite #userresearch;
      • Positioning: in questa fase si definisce il #posizionamento del #prodotto sul mercato, come si colloca rispetto alle alternative disponibili? Che tipo di valore crea per le persone che lo utilizzano? All'atto pratico in questa frase si creano le #buyerpersona (rappresentazioni dei compratori del prodotto, dei loro pain points e dei loro bisogni) poi per ognuna di queste si capisce come il prodotto possa creare valore per loro ed infine si definiscono le funzionalità del prodotto che più interessano a queste buyer persona;
      • Messaging: in funzione del #posizionamento si potrà creare un #messaging una #comunicazione sui diversi canali, questa avrà lo scopo di esaltare il valore del prodotto e di farlo in maniera coerente in tutti i canali di comunicazione;
      • Launch: questa è la prima fase più pratica del product marketing, è una fase che ha come base fondamentale le altre fasi precedentemente elencate, se il #productmanager si deve preoccupare che il prodotto esista e faccia quello che promette di fare, il #productmarketingmanager deve preoccuparsi che qualcuno lo compri. È il #productmarketingmanager che si occupa del lancio e definisce tutta la #strategialancio che permetterà al nostro target di scoprire il prodotto, si occupa di definire messaging, positioning e di fare la #gotochecklist che è la lista di task da completare per effettuare il #lancio;
      • Enablement: questa è l'ultima fase ed è la fase in cui si creano contenuti e training volti a facilitare il processo di vendita. Questo avviene in particolare nel B2B quando il processo di vendita è mediato da un sales e non è diretto. È responsabilità del #productmarketingmanager assicurarsi che i sales abbiano tutto il materiale necessario a facilitare la vendita;
    1. First, set clear goals and prioritize among conflicting goals (for instance, price to maximize revenue but ensure a 10 percent profit increase).Second, pick one of the three types of pricing strategies: maximization, skimming, or penetration.Third, set price-setting principles that define the rules of your monetization models, price differentiation, price endings, price floors, and price increases.Finally, define your promotional and competitive reaction principles to avoid knee-jerk price reactions.

      Il documento di [[Strategia di monetizzazione]] dovrebbe essere costruito su 4 blocchi:

      • Avere obiettivi chiari e messi in priorità tra loro, specialmente tra gli obiettivi in conflitto;
      • Prendere una decisione riguardo una delle strategie di prezzo tra: massimizzazione, skimming o penetrazione;
      • Stabilire dei principi che determinino le regole riguardo i modelli di monetizzazione, la differenziazione di prezzo ecc;
      • Definire pattern di prezzo in reazione ai competitor e di promozione, per evitare di fare errori;
    2. A pricing strategy is your short- and long-term monetization plan. The best companies document their pricing strategies and make it a living and breathing document.

      È importante delineare una #[[Strategia di monetizzazione]] che sia a breve termine, come a lungo termine. Tale documento raccoglie le diverse strategie di pricing e deve essere costantemente aggiornato e monitorato.

    3. What monetization model do we envision for our new product? Why is it the right one, and how did we choose it?Which models did we not pick, and why?What are the most important trends in our industry? How do they affect our choice of a monetization model? How do we plan to monetize our product if customer usage varies significantly? Which price structures have we considered and why?Do we have the right capabilities and infrastructure to execute the chosen monetization model and price structure?

      Queste sono domande che il CEO dovrebbe porsi riguardo la scelta del modello di #pricing

    4. To have a chance at converting free customers to paid customers, you need to test what benefits they will pay for and ensure a functional free experience. You also need to know exactly how many customers will actually be willing to pay. What’s more, you must avoid giving the farm away for free because it will leave your premium offering with very little value.

      Nel caso del #pricing #freemium è importante considerare che l'obiettivo è quello di convertire le persone free in persone paganti. Per farlo è necessario però capire quali sono i benefici per cui queste persone sono disposte a pagare, bisogna anche evitare di dare via tutto gratis togliendo valore alla nostra offerta premium.

    5. Customers pay when they use or benefit from the product. This can be exceptionally successful if you can align the metric directly to how customers perceive value. This can be effective if you are adept at predicting future trends. The alternative pricing model makes sense when your innovation creates significant value to end customers but you cannot capture a fair share of that value using traditional monetization models.

      Il modello di pricing del #[[alternate metric]] si applica quando i clienti pagano se usano effettivamente il prodotto. Questo tipo di modello ha senso solo se il tuo prodotto genera un'innovazione tale che non riesci a trovare un modello di #pricing adatto

    6. Auctions — competition based pricing for goods and services. Google AdWords, eBay, and other two-sided marketplaces use auctions. Market determines price. If you can control inventory for an in demand product, you should consider this model.

      Il modello delle #aste è un modello in cui il mercato determina il prezzo di un bene. Se si è in controllo di un prodotto per cui c'è tanta richiesta, allora bisogna considerare questo modello.

    7. Dynamic pricing — airline industries, Uber offer dynamic pricing for peak demand times. Dynamic pricing boosts the monetization of fixed and constrained capacity. Complex model requiring extensive data analytics.

      Il modello del #[[pricing dinamico]] è il modello tipico di Uber e delle linee aeree. Questo modello migliora le vendite di disponibilità limitate e fisse. Si tratta di un modello complesso, richiede tanti dati ed analisi.

    8. Subscription —recurring revenue increases customer lifetime revenue, revenue predictability, cross-sell and upselling opportunities. Works well in online and offline services where the product is used continually, in competitive industries, and where it can reduce barriers to entry through large upfront payments.

      In che casi ha senso utilizzare un modello di pricing basato su #abbonamento ?

      Quando si sceglie questa opzione ci si ritrova in una situazione in cui gli acquisti ricorrenti aumentano il #[[lifetime value]] dei clienti, inoltre è possibile stimare delle previsioni di vendita proprio a causa dei pagamenti ricorrenti, ci sono tante opportunità di #cros-sell e di #upsell.

      È un sistema adatto sia ai servizi online che offline ma la condizione è che il prodotto venga usato continuamente ed inoltre è ottimale nelle situazioni in cui riduce le barriere all'entrata tramite un grande pagamento in anticipo.

    9. What are the product configuration/bundles we plan to offer? Why did we pick these offers? Do they align with our key segments? If not, why not?What are the leader, filler, and killer features for the new product or service our company is developing? How did we find out?Have we explored a good/better/best approach to product configuration and bundling? What do we expect sales to be for each product configuration? Is the share of the basic product configuration lower than 50 percent? If not, why not?Have we explored bundling our new product with existing products? What would be the benefits for us and the customers?Have we considered unbundling as an opportunity? What would be the benefits to customers and our business (if any)?

      Queste sono le domande che un CEO dovrebbe porsi riguardo i bundle di prodotto:

      • Quali sono i bundle che abbiamo deciso di offrire? A che prezzo? Queste offerte si allineano con i segmenti individuati?
      • Quali sono le caratteristiche leader, filler e killer di questo bundle? Come le abbiamo scoperte?
      • Quali sono le opzioni bene/meglio e top per questo bundle? Quali ci aspettiamo siano le vendite per ogni bundle? La condivisione della configurazione base del prodotto è al di sotto del 50%? Se no, perché?
      • Abbiamo ipotizzato di creare bundle di prodotto con altri prodotti? Quali sarebbero i benefici nostri e dei clienti?
      • Abbiamo considerato l'ipotesi di smantellare il bundle? Quali sarebbero i vantaggi per noi e per i clienti?
    10. Align offers with segmentsDon’t go beyond nine benefits or four productsCreate win-win bundles for you and the customerDon’t give away too much in the entry-level product. Look at customer distribution by product and upsell percentage to qualify a problemHard bundles might not work and an a la carte bundle may be betterPer product pricing needs to be higher than bundled pricingMessaging and communicating the value of the bundle is a sales opportunity depending on what product or feature they are afterBundle an integrated experience and charge a premium instead of a discountDon’t bundle for the sake of bundlingLook for inverse correlations and exploit both by including the nice to have inverse.

      Questi sono alcuni dei consigli che bisogna considerare nella creazione di configurazioni di prodotto diverse.

      • Allineare l'offerta ai segmenti;
      • Non andare oltre i 9 benefits o i 4 prodotti;
      • Crea bundle che siano vittoria per te e per i consumatori;
      • Non dare troppo valore nel prodotto di entrata, guarda la distribuzione dei clienti per prodotto e fai upsell in percentuale, così da qualificare il problema;
      • I bundle fissi potrebbero non funzionare, quelli personalizzati invece si;
      • Il prezzo per singolo prodotto deve essere più alto di quello in bundle;
      • Comunicare il valore del bundle può essere una opportunità di vendita a seconda di quale prodotto si sta cercando di vendere;
      • Crea un'esperienza premium riguardo il tuo prodotto e dalle un prezzo premium, invece che un prezzo scontato;
      • Non creare bundle semplicemente per lo sfizio;
      • Cerca correlazioni inverse includendo l'opposto delle feature nice to have;
    11. Establishing which features are leaders (must-haves), fillers (nice-to-haves), and killers (features that are deal killers), andCreating good/better/best options.

      Due sono gli aspetti principali di una configurazione di prodotto efficace:

      • Bisogna stabilire le caratteristiche leader (must have), filler (nice to have) e killer
      • Bisogna creare delle opzioni di prodotto che siano buone, migliori, top
    12. Product configuration and bundling are your key building blocks for designing the right products for the right segments at the right price points. Product configuration is about putting the appropriate features and functionality — those customers need, value, and are willing to pay for — into the product; this process has to be done for each identified segment. Systematic product configuration prevents you from loading too many features into a product and producing a feature shock.

      Un prodotto deve essere creato configurando le giuste caratteristiche in dei bundle che rispettino i determinati segmenti che abbiamo individuato. Ogni configurazione di prodotto deve rispettare i determinati bisogni, valori e WTP dei segmenti.

    13. Does our product development team have serious pricing discussions with customers in the early stages of the new product’s development process? If not, why not?What data do we have to show there’s a viable market that can and will pay for our new product?Do we know our market’s WTP range for our product concept? Do we know what price range the market considers acceptable? What’s considered expensive? How did we find out?Do we know what features customers truly value and are willing to pay for, and which ones they don’t and won’t? And have we killed or added to the features as a consequence of this data? If not, why not?What are our product’s differentiating features versus competitors’ features? How much do customers value our features over the competition’s features?

      Queste sono valutazioni che deve fare il CEO riguardo il #pricing del prodotto da lui creato.

      Tra le valutazioni e domande da porsi ci sono:

      • Il team rivolto al prodotto ha avuto una seria discussione riguardo il #pricing? Se no, perché non è accaduto?
      • Quali dati abbiamo che indicano che c'è un mercato che può e vuole pagare per questo prodotto?
      • Conosciamo il range di #WTP del nostro concetto di prodotto? Sappiamo il nostro target quali prezzi ritiene accettabili, esagerati ed immotivati? Come lo abbiamo scoperto?
      • Sappiamo quali caratteristiche del prodotto hanno maggiore valore agli occhi dei consumatori, quali sono disposti a pagare e quali invece non hanno alcun valore? Se no, perché?
      • Quali sono le caratteristiche del nostro prodotto che sono elemento di #differenziazione rispetto ai prodotti dei nostri competitor? Quanto valore hanno queste caratteristiche agli occhi dei consumatori?
    14. Did we segment before we designed the product? If not, why not?What were the segments? How did we get to these? Which ones would we serve initially? Do they represent a sizable market?What criteria were they based on? How different are these segments in their WTP? Can we respond differently to each segment? If so, how?How did we describe the segments? What observable criteria do we have in these descriptions? Do our descriptions and observable criteria on each segment pass our sales team’s sniff test?How many segmentation schemes do we have in our company? Can we consolidate to one segmentation across product, marketing, and sales?Who in our company is responsible for segmentation? At what point in the innovation cycle does this person (or people) get involved?

      Queste sono le domande che un CEO dovrebbe porsi riguardo la segmentazione per la creazione di un prodotto.

      • Abbiamo fatto una segmentazione prima di creare il prodotto? Se no perché?
      • Quali sono i segmenti che abbiamo individuato, in che modo ci siamo arrivati, quale abbiamo deciso di servire inizialmente, rappresentano un mercato sostenibile?
      • In funzione di quale criterio sono distinti i segmenti? In che modo cambia la #WTF dei differenti segmenti? Possiamo rispondere diversamente ad ogni segmento?
      • In che modo descriviamo i segmenti? Quali sono i criteri osservabili che abbiamo in queste descrizioni?
      • Quanti schemi di segmentazione abbiamo? Riusciamo a consolidare su un solo segmento tutte le nostre energie aziendali?
      • Chi è il responsabile della segmentazione? In che momento interviene?
    15. Do Segmentation Right:Begin with WTP data — By clustering individuals according to their WTP, value, and needs data, you will discover your segments — groups of people whose needs, value, and willingness to pay differ.Use common sense — Practicality and common sense are as important as statistical indicators.Create fewer segments, not more — Serving each new segment adds significant complexity for sales, marketing, product and service development, and other functions. Smart companies start with a few segments — three to four — and then expand gradually until they reach the optimal number.Don’t try to serve every segment — The products and services you develop should match your company’s overall financial and commercial goals. A segment must deliver enough customers — and enough money — to make the investment worthwhile.Describe segments in detail in order to address them — Investigate whether each segment has observable criteria for customizing your sales and marketing messages to them.

      Come si può segmentare in maniera efficace?

      1. Si comincia con i dati emersi dall'analisi sul #WTP, si creano cluster di individui in funzione di WTP, valori e bisogni, così emergono dei segmenti;
      2. Punta a pochi segmenti, non molti, ogni segmento porta con sé entropia che deve essere gestita, il numero ideale di segmenti è 3-4 e poi ci si espande in maniera graduale fino a raggiungere il numero ottimale;
      3. Non devi servire ogni segmento, il prodotto che crei dovrebbe essere coerente con gli obiettivi generali ed economici della tua azienda. Un segmento deve essere visto come un investimento;
      4. Descrivi ogni segmento in dettaglio e cerca criteri evidenti nel comportamento del segmento per poter customizzare il più possibile;
    16. The message here is clear: You need to create segments in order to design highly attractive products for each segment. And you must base your segmentation on customers’ needs, value, and WTP. This way, segmentation becomes a driver of product design and development, not an afterthought.

      Quale è il modo migliore per definire le caratteristiche migliori di un prodotto?

      Bisogna analizzare il mercato e segmentare i bisogni, valori e WTP dei consumatori. In questo modo la segmentazione diventa la guida della creazione del prodotto.

  7. Sep 2021
    1. Do not use articles in front of product names. For example, do not write "the JBoss Enterprise Application Platform was..."
  8. Aug 2021
    1. How Much Does it Cost to Build a Website Like IndeedDmitry ChekalinChief Executive OfficerProduct GuideHomeBlogEntrepreneurshipHow Much Does it Cost to Build a Website Like IndeedJan 23, 202021 min readJob search websites have revolutionized the employer-employee relationships. No printed classifieds on the walls and no extra movements. Everything you need to do is to visit such a platform, enter the position details and choose the most relevant option to hire or apply for. Indeed is the most visited platform among other job-related online marketplaces. In this article, you will find out what makes Indeed so famous and special. Besides, we will discuss the challenges you may face before and during the development process, the things to consider before starting, and the functionality your platform should have. On the whole, you will know how to create a job search website like Indeed using 3 effective solutions.

      Job search websites have revolutionized the employer-employee relationships. No printed classifieds on the walls and no extra movements. Everything you need to do is to visit such a platform, enter the position details and choose the most relevant option to hire or apply for. Indeed is the most visited platform among other job-related online marketplaces.

      In this article, you will find out what makes Indeed so famous and special. Besides, we will discuss the challenges you may face before and during the development process, the things to consider before starting, and the functionality your platform should have. On the whole, you will know how to create a job search website like Indeed using 3 effective solutions.

  9. Jul 2021
    1. Looking deeper, you can see a large amount of issues open, bugs taking months to fix, and pull requests never seem to be merged from outside contributors. Apollo seems unfocused on building the great client package the community wants.
    2. This sort of behaviour indicates to me that Apollo is using open-source merely for marketing and not to make their product better. The company wants you to get familiar with Apollo Client and then buy into their products, not truly open-source software in my opinion. This is one of the negatives of the open-core business model.
  10. Jun 2021
    1. Are you planning to launch a commercial, customer-centric IoT product like smart locks, IoT toys, family trackers, smart plugs? Or perhaps develop industrial-grade IoT devices for factories and manufacturing plants like smart helmets, IoT-enabled wearables, production line IoT scanners, etc. In any case, Excellent Webworld can effectively realize your on-paper idea into a highly functional IoT product.
  11. May 2021
    1. “minimum viable paper” (MVP) – similar to the corporate world’s minimum viable product

      Using the idea of a "lean" Ph.D. one should aim to create a minimum viable paper and then work towards refining and improving it over time with constant feedback from one's advisor.

  12. Apr 2021
    1. Introduction of Product Goal

      How do Product Goal and Release Goal relate? Is the Product Goal the product vision and Release Goal is helping us to define relevant Sprint Goals to achieve the Release Goal?

      Good reads about the Product Goal: https://www.scrum.org/resources/blog/scrum-guide-2020-update-introducing-product-goal

      https://www.scrum.org/resources/blog/product-goal

    1. ![Cosmic radiation](https://i.snap.as/T05UTpx.jpg)

      Since a lot of this is guaranteed to be seen as arcane magic, maybe this is an opportune place for the UI hooks for a conversational/palette-based UI? Maybe >> to set it off?

    1. A generic trademark, also known as a genericized trademark or proprietary eponym, is a trademark or brand name that, because of its popularity or significance, has become the generic term for, or synonymous with, a general class of products or services, usually against the intentions of the trademark's owner.
    1. The privacy policy — unlocking the door to your profile information, geodata, camera, and in some cases emails — is so disturbing that it has set off alarms even in the tech world.

      This Intercept article covers some of the specific privacy policy concerns Barron hints at here. The discussion of one of the core patents underlying the game, which is described as a “System and Method for Transporting Virtual Objects in a Parallel Reality Game" is particularly interesting. Essentially, this system generates revenue for the company (in this case Niantic and Google) through the gamified collection of data on the real world - that selfie you took with squirtle is starting to feel a little bit less innocent in retrospect...

    2. Yelp, like Google, makes money by collecting consumer data and reselling it to advertisers.

      This sentence reminded me of our "privacy checkup" activity from week 7 and has made me want to go and review the terms of service for some of the companies featured in this article- I don't use yelp, but Venmo and Lyft are definitely keeping track of some of my data.

    1. What lies behind a service like Netflix?

      The demand for video streaming services is ever-increasing. It is especially true in the context of the coronavirus outbreak. That is why many entrepreneurs want to know how to create a video-streaming website like Netflix!

  13. Mar 2021
    1. Yes, Virginia, PMs Are Responsible for Accessibility

      Link to Session

      Angela Hooker, Microsoft

      Why build in a11y from the start?

      • Much easier / less "expensive" than adding it after the fact.
      • PMs are expected to set expectations and manage scope. Set the expectation from the beginning that team delivers accessible product.
      • Consider budget, timeline, people, & other resources. The design phase is "too late."

      Getting support from leadership

      • Talk about ROI & $8+ trillion in disposable income that people with disabilities have worldwide
      • Helps the org be more competitive
      • Show them how inaccessible content hurts. Demo use of product with a screenreader with no visuals, ask them to navigate with keyboard only. If possible, have a person with access needs do that demo.

      Include multiple accessibility reviews in your timeline

      • Team should check their work as they go along

      Choose the standards and level of compliance you'll achieve

      • Compliance and accessibility are not the same. You can conform to WCAG 100% but be unusable for people with certain disabilities
      • If project is used globally, consider laws worldwide. Some countries require specific documentation & standards will vary

      Put accessibility requirements in contracts with outside vendors

      • Be specific about the standards they need to meet
      • Ask for proof they can produce accessible work

      Carefully choose the tech you'll use to build your project

      • If you don't have a choice in what tech you'll use, see if team can fix those a11y issues. If it would expand scope or timeline to do so, flag as risk for leaderships

      Document all your team's work

      • Good to have on hand for showing "good faith effort" to be accessible
      • Prepare a general statement about project's a11y status.
      • Document known a11y issues and create a roadmap for resolving

      Get training for your team

      • Pointing toward info on the web is risky, as there is lots of misinformation. Start with info from W3C a11y curriculum.

      How do you coach your team and oversee their work?

      • Don't make it about any one person. Discourage things like "if we can't make you happy, we can't move forward." It's not about you being happy, it's about putting out the most usable and successful product you can!
      • Publicly praise team members as a way to motivate them to prioritize a11y in the long run

      Written content comes first

      • This is the easiest to remediate, so get this out of the way.
      • Ask people with cognitive impairments to read through with you to find out where things might not be clear

      Working with designers

      • Annotate design docs to indicate to engineering where they'll need to consider a11y
      • Review mockups & wireframes for missing a11y considerations so eng can raise concerns or questions
      • Start with user personas based on people with disabilities
      • Invest in usability testing at several points during project build

      What if you're updating a legacy project?

      • Start small
      • Have an auditor review for a11y and create a plan to give team "quick wins." Create roadmap for remaining items.
      • Talk to team responsible for product to find out what questions/concerns they have
      • Get training & other needed resources for team
    1. OpenFaaS is hosted by OpenFaaS Ltd (registration: 11076587), a company which also offers commercial services, homepage sponsorships, and support.
  14. Feb 2021
    1. Using integrations with other tools in the product stack such as Jira and GitHub, progress on specific items can be viewed directly from the digital product roadmap, offering an accurate view of how well things are sticking to the schedule

      Why not just use built in tools in Jira and Github? Still struggling to see how roadmapping tool differs from, for example, Github project boards

    2. Translating these concepts into attractive visual product roadmaps that connect with a diverse set of internal stakeholders,

      In a small organization like Hypothesis, I'm not sure that a visually pretty roadmap is a pressing need. Willing to keep reading, but color me skeptical.

  15. Jan 2021
    1. This is a by-product of the success of Ubuntu. Whether people like it or not, most software available for Linux will target Ubuntu first. There may be packages available later for other distros / systems, but on the whole, you can be sure a software developer will target Ubuntu if they target Linux.
  16. Dec 2020
    1. As we advocate in our Agile Product Management overview, the more involved that a product manager is with the development team, the better. That involvement should be along the lines of a product owner who champions customer needs, the "why" of the product. When the involvement blurs into tasking, the "how" for a team, then there is a problem. Even with the best of intentions, this kind of utilization mindset tends to hide problems: defects, hand-offs, and unknowns. Interleaving scope and process tends toward locking scope, schedule, and quality. That's a recipe for failure.
      • The [[Product Manager answers the why]]
      • The [[Scrum Master answers the how]]
  17. Nov 2020
    1. A better definition I've been using since then, thanks to Jason Hwang, is "fixed output." A company that delivers the same thing to all customers is going to be organized differently than one that does things made-to-order.

      Fixed output companies

      A company that delivers the same thing to all customers. These companies are going to be organized differently than ones that do things bespoke for their customers.

    1. Yet from the responses to those posts, it’s become clear that for many people, maybe even most, this is not ‘obvious’ at all

      Worth taking a look at the so-called product centric-mindset, the mainstream approach in pretty much every technology startup: people are designing/building/launching/growing the product, in roles such as product manager, product designer, product engineer, product lead, product marketing specialist, etc. Funny paradoxical thing is that many of these businesses can be characterised to have a SaaS business model, as in Software-as-a-Service.

      When we take a closer look at the Service Design community, we will often hear that "Everything is a service" as these days every product is bundled into a service.

      I came across quite a few times about the Rolls Royce case study presenting the aero-engine business model: aircraft engine business model - Google Search

  18. Oct 2020
    1. Similarly, we use an opportunity algorithm to quantify which of the customer’s desired outcomes are unmet, and to what degree. A desired outcome statement is a uniquely defined need statement that describes how customers measure success when getting a job done. We assign a number to a desired outcome that indicates whether products or services used in a given market adequately or inadequately serve it.
    1. Yet many teams struggle to achieve a unified way of evaluating what they’ve delivered. Only 1 in 10 have a process for assessing the success or failure of newly-launched products and features.

      we've done this informally, but might consider a more formal approach

    2. For the product teams lacking a systematic way of logging these feature requests, pain points, and other bits of user feedback, a lot of valuable information ends up slipping through the cracks.

      we are working at getting better at this but there is room for improvement

    1. We created a strategy that focused on providing some of that in-store expertise as content online. We called it non-product content because it was aimed not at selling you something, but at helping you achieve a task

    Tags

    Annotators

    1. nice saas tool for generating pics for/from sns

    1. He says that he sees the combination of long form pieces and Q&A as a new level of support. “We used to have level one, which was sending a ticket to the help desk, and it was something we could easily resolve for you. Level two was a more complex problem that maybe required an engineer or specialist from a certain team to figure out. I look at this new system as a level zero.” Before sending us a ticket, folks can search Teams. If they find a question that solves the problem, great. If they need more details, they can follow links to in-depth articles or collections that bring together Q&A and article with the same tags.“
  19. Sep 2020
    1. This last characteristic may be the easiest to evaluate. Unless the position is very junior, I’ll usually hire product managers who’ve actually shipped a product. I mean from start to finish, concept to launch. Nothing is a better indication of someone’s ability to ship great products than having done it before. Past performance is an indication of future success
    2. I always insist that at a minimum, representatives from engineering, design, and marketing meet a potential PM candidate.
    3. I often joke that much of the time your job is to be the advocate for whoever isn’t currently in the room - the customer, engineering, sales, executives, marketing. That means you need to be capable of doing other people’s jobs, but smart enough to know not to. Great PMs know how to channel different points-of-view. They play devil’s advocate a lot. They tend to be unsatisfied with simple answers.
    4. So what do I look for in a PM? Most importantly, raw intellectual horsepower. I’ll take a wickedly smart, inexperienced PM over one of average intellect and years of experience any day. Product management is fundamentally about thinking on your feet, staying one step ahead of your competitors, and being able to project yourself into the minds of your colleagues and your customers.
    1. 2. Develop specific superpowers — don’t just rely on being a smart generalist.

      Bring something to the table. Could be solid design skills in my case (which I don't have yet)

    1. Whatever the future intentions of the PM, one thing remains for certain: this position is at the intersection from where founder strategy, user feedback, development team management, and market awareness come together. From what’s been said, it certainly appears that this is not a role that you “fall” into, but rather could aspire to be in.
    2. What’s more, to be a good PM, individuals also need to understand that it’s all about the bigger picture. Great managers “win” games, meaning that it’s not about getting a product out the door, but by ensuring that over the long-term, the team helps solve a larger problem. Nash says it’s not about getting an “E for effort” and brush off things that don’t work.
    3. The product manager isn’t the one that’s just sitting around overseeing the various teams and seeing whether it’s on track to meet the scheduled delivery or launch date. They are the ones who need to understand the market and that means knowing who the competitors are, what consumers want, and being able to help the marketing and sales teams better target them.